Primo Consiglio Provinciale: cerimonia di giuramento della Presidente della Provincia di Arezzo Silvia Chiassai Martini

Approvate le variazioni al bilancio e alle opere pubbliche per non compromettere il percorso già avviato dalla vecchia Amministrazione, con l’astensione dei Consiglieri di Minoranza

Si è riunito questa mattina, martedì 20 ottobre presso la Sala dei Grandi, il primo Consiglio Provinciale presieduto da Silvia Chiassai Martini. In apertura la convalida dei Consiglieri eletti e la cerimonia di giuramento della Presidente Chiassai Martini. Di seguito il testo integrale del discorso tenuto dalla Presidente della Provincia : Vorrei principalmente condividere con i Consiglieri Provinciali la mia emozione, essendo anche la prima donna eletta nella storia della Provincia di Arezzo, e l’onore di rappresentare questo Ente, consapevole della grande responsabilità che ci siano assunti per i prossimi anni – dichiara Silvia Chiassai Martini Presidente della Provincia . - Mi preme sottolineare fin dal nostro insediamento, e non a caso uso volutamente il plurale, nell’anno in cui si ricorda il centenario della fine della Grande Guerra, il prestigioso riconoscimento conseguito dalla Provincia della Medaglia d’Oro al Valore Militare che vediamo riportato anche nel Gonfalone. Voglio cominciare da qui, proprio dalla consapevolezza di essere espressione di valori importanti, di una memoria storica di eroismo e di sacrificio, che deve rafforzare l’impegno e il senso di appartenenza verso la comunità aretina, nella speranza di essere un punto di riferimento per le nuove generazioni che devono, troppo spesso, recuperare anche il valore dato alle Istituzioni. La mia candidatura, benchè la compagna elettorale sia finita, è stata una disponibilità improntata allo spirito di servizio, dopo due anni attivi in Consiglio Provinciale con un mandato che ho sempre rispettato e che ho sempre considerato, non una perdita di tempo, ma un valore aggiunto al mio ruolo di primo cittadino di Montevarchi. Ci tengo a ribadirlo, anche ad urne chiuse, perché la mia condotta da Presidente sarà ancora al servizio e nell’interesse dei cittadini e dei Comuni. Il nostro obiettivo principale dovrà essere quello di realizzare una Casa dei Comuni, dove tutti, malgrado la ponderazione espressa dalla Legge Del Rio, potranno e dovranno occupare un posto al tavolo delle proposte e della programmazione ridando attenzione e dignità ai territori, alle vallate, alla stessa città di Arezzo. Una casa che sarà un luogo di riferimento per Sindaci e Consiglieri Comunali dove affrontare le questioni più urgenti dando le risposte necessarie. Vorrei riuscire a stringere un rapporto diretto e di massima collaborazione con tutti gli Amministratori, dal più piccolo comune al più grande per un numero di abitanti, che sia operativo e fattivo, dove nessuno si senta non considerato o addirittura abbandonato. Come Sindaco, in base alla mia esperienza, ciò che interessa al cittadino è il funzionamento dei servizi, l’ascolto, la risoluzione del problema. Spesso parlare di competenze differenti tra i Comuni e Provincia si ha come l’impressione di alzare un muro per non rendere efficace l’intervento o per scaricare la responsabilità verso altri. Noi saremo chiamati ad abbattere questo muro in cui la Provincia continuerà ad aprirsi alla partecipazione, adesione e condivisione con i cittadini, i Comuni delle nostre vallate, i vari e fondamentali mondi dell’associazionismo e del volontariato. Abbiamo un grande lavoro da fare che consisterà nel ridare dignità e operatività alla Provincia, mentre lentamente si stava distruggendo un grande patrimonio di competenze, professionalità e funzionalità. Aggiungerei che è stato minato un importante presidio del territorio, con danni enormi per le nostre comunità, che sarà difficile riuscire a colmare. Non sarà facile, ma vi assicuro il massimo impegno dovendo rispettare una legge che ha stabilito che dovesse essere un Sindaco il nuovo Presidente della Provincia. Cari consiglieri, nel formularvi i migliori auguri per questa grande sfida che abbiamo raccolto, indipendentemente dagli schieramenti e dalle posizioni politiche differenti, mi preme anche manifestarvi pubblicamente la mia disponibilità a collaborare con tutti in quanto ognuno di voi è portavoce delle istanze dei cittadini e delle realtà che rappresenta. Troverete la mia porta sempre aperta per qualsiasi esigenza, dubbio o criticità da affrontare. Buon Lavoro! - ha concluso Chiassai Martini. ” Con il consiglio odierno sono anche state assegnate dalla Presidente della Provincia le seguenti deleghe ai consiglieri : SCAPECCHI FedericoRapporti istituzionali, Stazione Appaltante, Trasporto Pubblico Locale; RIVI AlessandroRapporti Enti Locali e Assemblea dei Sindaci, programmazione scolastica e pubblica istruzione; PIOMBONI AngiolinoViabilità, Edilizia, Patrimonio, Pianificazione Territoriale; LUCACCI EzioPolizia Provinciale e Ambiente, Personale, Sport; MIGLIORE RosariaPolitiche di reperimento fondi europei; SEGHI LauraURP, Pari Opportunità. Rivestirà la carica di Vicepresidente della Provincia il Consigliere Provinciale Angiolino Piomboni e dal 1° gennaio 2020 sarà sostituito da SCAPECCHI Federico. Il Consiglio ha proseguito poi con gli altri punti iscritti all’ordine del giorno, con l’approvazione di una variazione del programma triennale delle opere pubbliche 2018/2020, l’elenco annuale 2018 e la variazione al bilancio finanziario 2018/2020. La variazione di bilancio recepisce maggiori assegnazioni finalizzate alla realizzazione di specifici interventi, tra cui quelle di maggior rilievo riguardano la manutenzione del Sentiero della Bonifica all’interno del sistema integrato di Ciclopiste dell’Arno per € 113.490,00 per due annualità e la riqualificazione di spazi sportivi esterni all’ISIS Vegni finalizzati a rugby nel comune di Cortona per € 76.000,00, di cui 40 mila da contributo della Regione Toscana. Le variazioni al bilancio e alle opere pubbliche sono state approvate per non compromettere il percorso già avviato dalla vecchia amministrazione, legato alla rendicontazione dei finanziamenti assegnati. Inoltre viene inserita la previsione relativa al contratto rent to buy per l’ex Ospedale S. Maria della Misericordia in Cortona, il quale prevede per le prime 3 annualità € 200.000,00 a scomputo di lavori. Variazioni che hanno determinato l’adeguamento del bilancio finanziario 2018/2020 per recepire le modifiche al piano triennale degli investimenti. La variazione  adegua il piano al programma quinquennale degli interventi relativi a programmi straordinari di manutenzione della rete viaria di province e città metropolitane in attuazione dell’apposito decreto ministeriale. Pertanto il Consiglio Provinciale si è espresso per entrambe le delibere con 7 voti favorevoli, con l’astensione dei 6 Consiglieri di minoranza.