La Provincia di Arezzo registra il marchio del panno del casentino e mira al riconoscimento Ue “Marchio collettivo geografico IG”

Data:
3 Novembre 2022

Tempo di lettura:
3 min

Ultimo aggiornamento:
3 Novembre 2022, 14:30

Visite pagina:
112

La vicenda della manifattura del Panno del Casentino, che ha visto a rischio 18 posti di lavoro,conconseguenze per l’intero indottoela perdita di una lavorazione tipica che si tramandasin dalle epoche etrusca e romana, ha visto la Presidente della Provinciae l’On.Tiziana Nisini impegnate, prima nel portare a termine la delicata questione dell’acquisto del capannone,adesso nelraggiungimento di unulterioreimportanteobiettivo

La Presidente della Provincia Silvia Chiassai Martini,dichiara:

LaProvinciahaperso molte deleghe, tra cui la promozione del territorio, vedendo svanire negli anni il sostegno alle nostre imprese e alle nostre eccellenze.In attesa di una riattribuzione di ambiti fondamentali per la tuteladella nostraprovincia,ritengo che sia un dovere per l’Istituzione che rappresento,sostenere e promuovere i prodotti tipici del nostro territorio.Per questo motivo, insieme all’On. Tiziana Nisini, al Presidente della Camera di Commercio Massimo Guasconiealla CGILche desidero ringraziare, peril fattivo aiuto dimostrato nei confronti di questa eccellenza,stiamo procedendoalla registrazione del marchio del panno del casentino. Abbiamo incontrato le aziende interessate a questo comparto, ovvero la Tacs, Krima srl, Manifattura Casentinese, Tessitura RD srl, Tessilnova, chehannodimostrato grande interesse versola realizzazione e la registrazione del marchio. In collaborazione con la Camera di Commercio, stiamo dando avvio alle procedure a carico della Provincia di Arezzo per l’importante obiettivoper ilriconoscimento elavalorizzazione di un prodotto di eccellenza tipico della nostra Provincia. Contemporaneamente, stiamo lavorando alla stesura del disciplinare di produzione,in attesa dell’approvazione del nuovo regolamento per laprotezione diprodotti artigianali,che tenganoconto delle specificità localipermettendone lavalorizzazione e la tutela delletradizioni produttive.Il progetto è pienamente in linea con la mission delnuovoMinistero delle impreseedel made in Italy,chemira proprio alla tuteladella filiera produttiva strategicaedelle eccellenze del nostro paese. Un progetto ambizioso, in cui crediamoconvintamente echemagarigià nel 2023 il pannodel Casentino possaricevereil riconoscimentoIG come prodotto artigianale. L’iniziativa,è statapresentata questa mattina in sala deiGrandi alla presenza dell’onorevole Nisini, del presidente della Camera di Commercio Guasconi, del sindaco di Bibbiena Vagnoli,  delle aziende aderenti del settore e del dirigente scolasticoSanti dell’Istituto tecnico professionale Magiotti.Il coinvolgimento deglistudenti del corso di graficapermetteràattraverso un concorso di idee,di scegliereil nuovo marchio che verràpoirapidamente registrato.Mentre,il settore moda lavorerà per ideare nuovi modelli e prototipi che le aziende valuteranno e metteranno in produzione, modelli giovani e originali, che debutteranno nei primi mesi del 2023 in una sfilata magari in piazzaGrande, in un evento speciale legatoalla promozione del panno del Casentino. Una valida iniziativa che contribuirebbe a mantenere alta l’attenzione sul prodotto casentinese e permetterebbe di interessare anche le nuove generazioni, per tramandare lalavorazione della lana nel Casentino che già nel trecento era tessuta per i padri dell’ Eremo di Camaldoli, e che oggi è famosa in tutto il mondo.

L’on. Tiziana Nisini, ex sottosegretario al Ministero del Lavoro e politichesociali dichiara :“Un percorso iniziato da tempo, che grazie all’impegno delle istituzioni e ad ogni livello, vede finalmente la luce del sole. Avevo, a suo tempo, già attenzionato il Ministro Giorgetti (all’epoca Ministro al Mise), durante la recente legislatura che subito si era attivato per trovare celermente una soluzione. Oggi, siamo particolarmente soddisfatti per essere arrivati sin qui, un traguardo che è diventato la spinta propulsiva dalla quale ripartire. Un traguardo che vuole tutelare il made in Italy ed una delle sue eccellenze mondiali. Noi crediamo nel nostro territorio e questo viaggio fatto insieme ne è la dimostrazione. Grazie alla Presidente della Provincia e al Presidente della Camera di Commercio, si vuole arrivare alla registrazione del marchio che rappresenterà il Panno del Casentino, come sinonimo di qualità e prestigio.Ma non vogliamo fermarci qui, perché il prossimo passo sarà di farlo rientrare come prodotto artigianale idoneo al riconoscimento IG.
Sotto tutte mete ambiziose ma che con perseveranza e tenacia, vogliamo portare avanti. Vogliamo tutelare e far crescere la nostra economia, affinché ogni imprenditore, lavoratore e amministratore possa essere protagonista del cambiamento” .

Il Presidente della Camera di Commercio Arezzo-Siena Massimo Guasconi dichiara:

La tutela e la valorizzazione della proprietà intellettuale ed industriale è una delle funzioni più rilevanti assegnate dalla normativa vigente alle Camere di Commercio. Pertanto abbiamo ritenuto importante prestare la nostra collaborazione tecnica al progetto promosso dalla Provincia di Arezzo, finalizzato alla registrazione e tutela del “Panno del casentino. Ringrazio la Presidente Chiassai e l’On. Nisini per la sensibilità dimostrata con un progetto che, con il coinvolgimento delle associazioni economiche di categoria, di quelle sindacali e di tutti gli enti territoriali interessati, potrà contribuire alla crescita produttiva ed al radicamento  di una vera eccellenza della tradizione tessile provinciale.”

PM 3.11.2022

[email protected]