Data:
22 Marzo 2024

Tempo di lettura:
5 min

Ultimo aggiornamento:
22 Marzo 2024, 13:34

Visite pagina:
1094

Foto di gruppo partecipanti bando GAME UPI per la Provincia di Arezzo

LA PROVINCIA DI AREZZO ADERISCE AL PROGETTO “Insieme… sportivaMente” – BANDO “GAME UPI”, PER INCENTIVARE LA PRATICA SPORTIVA DEI GIOVANI.

La Provincia di Arezzo è orgogliosa di prendere parte, come soggetto partner, al Progetto “Insieme… sportivaMente”, che vede la Provincia di Grosseto Ente Capofila di una nuova e stimolante collaborazione; essa coinvolge, appunto, le Province di Arezzo e Grosseto, Siena, e UPI Regionale, nell’ambito del Programma Nazionale, “G.iovani-A.utodeterminazione-M.ovimento-E.mpowerment (G.A.M.E.) UPI – Fondo Politiche Giovanili 2022”.

Un percorso di formazione promosso dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale e dalla Unione delle Province Italiane (UPI).

Protagonisti sono le studentesse e gli studenti delle Scuole Secondarie di II Grado: l’Istituto Omnicomprensivo Statale ‘Fanfani-Camaiti’, che comprende l’Istituto Professionale Statale Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera “M. Buonarroti” di Caprese Michelangelo, e l’I.S.I.S “Angelo Vegni” di Cortona, con il suo Istituto Professionale Alberghiero Gastronomico, per la Provincia di Arezzo; l’l’Istituto alberghiero ‘Leopoldo II di Lorena’ e il Liceo sportivo ‘P.Aldi’ per la Provincia di Grosseto; l’Istituto Alberghiero “Pellegrino Artusi” di Chianciano per la Provincia di Siena. L’investimento complessivo è di 134mila euro, di cui 34mila coperti dai partner. Le azioni interessano i 4 ambiti previsti dal bando: sport e promozione di stili di vita sani, sport e disabilità, sport e comunità, giochi interprovinciali senza frontiere. Il progetto prevede la realizzazione negli istituti alberghieri coinvolti, di laboratori con la partecipazione di esperti per indirizzare i giovani verso una corretta e sana alimentazione. Saranno organizzate dalle associazioni coinvolte attività sportive inclusive, all’aria aperta, di squadra e individuali.

Il Consigliere Provinciale Laura Chieli, Delegato alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Giovanili dichiara:

Un Progetto ad alta intensità formativa in cui la nostra Provincia ha creduto fortemente sin dal primo momento, poiché mirato ad educare i giovani ad essere costruttori di una società inclusiva, sperimentando l’assunzione di stili di vita sani, comportamenti personali e sociali, consapevoli, corretti  e sostenibili, attraverso metodologie laboratoriali e pratico-operative.

Mi preme ringraziare Francesco Limatola, Presidente della Provincia di Grosseto, poiché quando nello scorso Settembre lo contattai personalmente per richiedergli di fare cordata con noi, si disse  disponibile senza riserve e si attivò prontamente per formare la nuova partnership Grosseto-Arezzo-Siena, dimostrando una mai scontata volontà collaborativa interistituzionale.

Sono convinta che “Insieme.. sportivaMente” rappresenti un’opportunità preziosa, che ci consentirà di mettere in atto nel territorio interventi capaci di creare occasioni di incontro,  di relazione e di confronto tra le giovani generazioni, per tentare concretamente di contrastare il disagio e la devianza giovanili. 

Il percorso è reso possibile dalla collaborazione ormai consolidata con l’Ufficio Scolastico Territoriale: il Dirigente – Dr. Roberto Curtolo – e le professoresse Antonella Bianchi e Stefania Galletti, nonché con gli Istituti Scolastici Alberghieri coinvolti e con gli enti quali il CONI e la COLDIRETTI.

Da ultimo mi piace evidenziare che il Progetto vedrà protagonista la proverbiale sapienza di Augusto Tocci – noto esperto di flora spontanea e di cucina demologica – che, durante le attività di trekking and foraging,  arricchirà le passeggiate dei ragazzi, tra i boschi delle nostre campagne, con preziosi contributi sulla salubrità delle erbe selvatiche e sul loro impiego nei piatti della tradizione popolare.”


Il Vicepresidente Provinciale Nicola Carini, Delegato allo Sport, aggiunge:

 “Ringrazio anch’io tutti i partner per la forte sinergia nel promuovere questo progetto, che ha come obiettivo quello di incoraggiare l’inclusione sociale attraverso lo sport. La Provincia di Arezzo è da sempre molto attenta ai giovani, con politiche mirate a fronteggiare ogni forma di disagio, di malessere e marginalità giovanile. Lo sport è sicuramente una passione che accomuna tutti, e può essere veramente inclusivo. Del resto la nostra Provincia, soprattutto dopo le restrizioni causate dalla pandemia, si è spesa per sviluppare progettualità incentrate sull’attività motoria; ricordo Ariadne’s Thread for Youth Deviance o Circostanze d’Incontro, esperienze tutte incentrate sui ragazzi che devono tornare ad essere protagonisti delle proprie vite e recuperare la fiducia in loro stessi, insieme alla capacità di relazionarsi in maniera positiva con i propri pari e con il mondo che li circonda. Anche il Progetto  “Insieme.. sportivaMente” avrà centrali lo sport, i suoi valori educativi e la pratica ludica, quali veicoli di socializzazione e di inclusione essenziali. Saranno organizzati momenti di sensibilizzazione e formazione per i docenti e di partecipazione attiva per tutti gli studenti coinvolti,  anche e,  soprattutto, per coloro che presentano una qualche disabilità. Saranno previsti incontri nelle scuole e laboratori sportivi, tenuti da tecnici con competenze specifiche in materia di disabilità e inclusione scolastica, individuati dalla Scuola Regionale del Coni; a conclusione, è previsto un evento inclusivo, con tanti giochi sportivi.”

Il Presidente della Provincia di Grosseto Francesco Limatola

Abbiamo accolto subito con grande interesse la richiesta delle Province di Arezzo e di Siena di essere nostri partner del progetto Game Upi– afferma Francesco Limatola, presidente della Provincia di Grosseto – perché crediamo sia importante travalicare i confini territoriali per affrontare un tema che è universale e trasversale, come quello dell’inclusione sociale dei giovani e della promozione di stili di vita sani attraverso la pratica sportiva. La collaborazione con le Province di Arezzo e Siena sarà un terreno fertile per lo scambio di buone pratiche che potranno essere adottate continuando a generare effetti positivi sui territori anche una volta esaurite tutte le azioni previste dal progetto.”

Il Dirigente Provinciale dell’Ufficio Scolastico Territoriale – provincia di Arezzo – Dr. Roberto Curtolo dichiara

L’ufficio Educazione Fisica e Sportiva dell’USP di Arezzo, già da molti anni è impegnato nella sensibilizzazione degli alunni nei confronti dello sport inclusivo.

Per la realizzazione di questo obiettivo, anche in collaborazione con il CIP e Special Olympics, vengono organizzate le varie fasi delle Competizioni Sportive Scolastiche e il Circuito Sport Inclusivo “ G. Cerbai”; quest’ultimo prevede l’effettuazione di cinque sport organizzati ciascuno in ogni vallata.

Grazie a Provincia e Coni con il progetto “# Insieme… sportivaMente” – Bando G.A.M.E UPI possiamo consolidare e capillarizzare gli interventi per implementare la partecipazione alle manifestazioni sportive di vallata.. da qui si parte per andare lontani tutti insieme!”

Il Delegato Provinciale Coni – Dott. Alberto Melis dichiara

“Il progetto “# Insieme… sportivaMente” – Bando G.A.M.E UPI è un ulteriore esempio della collaborazione fattiva e virtuosa che si è consolidata in questi anni tra Provincia di Arezzo e CONI provinciale. L’interesse che l’Ente Provincia ha sempre dimostrato per le attività sportive, ha fatto sì che questa partnership trovasse l’adesione spontanea da parte del CONI come soggetto organizzatore. Tramite la propria Scuola Regionale dello Sport infatti mettiamo a disposizione i docenti che forniscono la propria competenza per la formazione dei soggetti destinatari e affiancano gli stessi nella organizzazione delle attività previste. Il tema dell’inclusione attraverso la pratica sportiva è uno dei capisaldi dell’attività sul territorio del CONI e , grazie anche alla collaborazione con l’Ufficio scolastico provinciale, intendiamo fornire costantemente gli strumenti utili ai docenti di Scienze motorie che possano quindi sempre più coinvolgere la popolazione studentesca con disabilità nelle attività di palestra durante l’orario di lezione.”

Il Presidente di Coldiretti Arezzo Lidia Castellucci dichiara :

Abbiamo subito accolto questo invito della Provincia di Arezzo a collaborare al progetto “# Insieme… sportivaMente” – Bando G.A.M.E UPI, portando il nostro contributo in materia di sviluppo sostenibile e di educazione alimentare. Grazie ai Cuochi Contadini di Campagna Amica Terranostra che terranno le lezioni negli istituti coinvolti, gli studenti avranno la possibilità di confrontarsi sulle tematiche del kilometro zero con approfondimenti specifici dedicati agli aspetti nutrizionali e all’alimentazione corretta per sensibilizzare sul recupero delle tradizioni locali e promuovere la cucina contadina del territorio così da tenere sempre alta l’attenzione sulla cultura locale in un’ottica di scambio intergenerazionale. Gli incontri saranno occasione per parlare con i ragazzi di temi attuali quali cibi sintetici, l’emergenza climatica, la sostenibilità ambientale ed il nutriscore, argomenti volti alla promozione delle competenze connesse alla sostenibilità nell’alimentazione, per lo sviluppo dell’economia circolare, della green economy e dell’agricoltura di precisione e digitale. La nostra agricoltura è distintiva, è ambiente, è tutela del territorio ed è proprio da queste parole chiave che nasce la figura del cuoco contadino impegnato in questi momenti formativi. Da sempre siamo in campo con la formazione, come Associazione ci poniamo l’obiettivo formativo a sostegno della scuola e dei cittadini coniugando il rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali con quello verso le persone: la tutela e la promozione di diritti fondamentali quali salute, sicurezza alimentare, uguaglianza e lavoro delle nostre imprese agricole”

Il Presidente UPI Toscana Gianni Lorenzetti dichiara

Soddisfazione da parte del Presidente UPI Toscana Gianni Lorenzetti: “siamo molto contenti per la notizia ricevuta. La nostra sfida principale sarà quella coinvolgere il più attivamente possibile i giovani delle scuole che prenderanno parte al progetto. Attraverso un percorso formativo e di attività pratiche condivise con il Partenariato, sarà nostro interesse stimolare il talento dei giovani per assicurare loro opportunità di sviluppo personale e sociale”.

[email protected]