CONVEGNO NELLA SALA DEI GRANDI DEL PROVINCIA DI AREZZO : BULLISMO E CYBERBULLISMO

Data:
6 Febbraio 2024

Tempo di lettura:
2 min

Ultimo aggiornamento:
6 Febbraio 2024, 17:19

Visite pagina:
1689

Vedi programma

La Provincia di Arezzo, con il partenariato dell’Associazione Pronto Donna e dell’Ufficio Scolastico ambito Territoriale di Arezzo, organizza il Convegno “Bullismo e cyberbullismo” che si terrà mercoledì 7 febbraio presso la Sala dei Grandi della Provincia di Arezzo.   L’iniziativa fa parte delle attività del progetto ” Bullismo e cyberbullismo: azioni in Rete per prevenire e contrastare un fenomeno in crescita” inserito nell’ambito di Giovanisì progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei Giovani. 

  Il Consigliere Provinciale Cinzia Santoni, con delega alle Pari Opportunità dichiara :   “Il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, si sviluppa per l’ampio utilizzo dei mezzi di comunicazione online, quali  pc, smartphone, tablet ecc.,  da parte di preadolescenti e adolescenti.  Per la sua complessità, per la violenza e per i danni psico fisici che comporta, impone una grande attenzione da parte di tutti gli adulti significativi nella vita della vittima: insegnanti, amici, medici in primis i genitori ed il nucleo fsmiliare nel suo complesso. Secondo i più recenti dati in Italia, il fenomeno del bullismo e cyberbullismo,  presenta numeri più elevati di vittime nelle zone maggiormente disagiate culturalmente ed economicamente con percentuali  superiori per le ragazze. Il convegno intende approfondire gli aspetti legali, medici, pedagogici del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo e dare lo spunto per una lettura di genere alla tematica con una particolare attenzione a come le differenze socio-culturali tra il maschile e il femminile entrano in gioco negli episodi di violenza tra pari.Il progetto, oltre al convegno iniziale, prevede la formazione del personale docente, con particolare attenzione ai referenti per il bullismo, laboratori con gli/le studenti/sse e delle Scuole Medie Inferiori e Superiori attraverso l’utilizzo della metodologia della Peer Education , una formazione ai genitori degli studenti/tesse delle Scuole Medie Inferiori e un convegno finale in cui verranno illustrati e diffusi i risultati previsti dal progetto.”

US-PM 6.2.24

Skip to content
[email protected]